Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per rendere migliore la navigazione e per fornire le funzionalità di condivisione sui social network. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati, su come disabilitarli o negare il consenso all’utilizzo leggi l’informativa. Proseguendo nella navigazione presti il consenso all’uso di tutti i cookie.Informativa Cookie policyOK


Attendere  Elaborazione in corso, attendere prego...

Adempimenti INPS/Contenuti

Da Camera di Commercio di Milano.



  • Circolare INPS 172/2010 (news 1/1/2011)
    La circolare INPS n° 172/2010 ha abolito il modello DM68 nei casi in cui l'azienda, già in possesso di un numero di matricola, apre una nuova unità operativa e ha introdotto il criterio di unica posizione contributiva: pertanto il datore di lavoro, anche in presenza di diverse attività svolte con il personale in più luoghi di lavoro, sarà intestatario di una sola matricola aziendale.

    Il datore di lavoro dovrà chiedere la costituzione di una posizione contributiva unica (con rilascio di un numero di matricola) in fase di inizio dell’attività con dipendenti.
    Lo strumento da utilizzare per farsi attribuire on line dall'INPS la posizione contributiva sarà:

    a) Comunicazione unica al Registro delle Imprese per l'apertura della prima posizione contributiva (contemporanea assunzione di personale dipendente) e per la cessazione e sospensione dell’ attività con dipendenti.

    b) comunicazione unica ovvero procedura telematica di iscrizione nei servizi online dell'INPS, nelle ipotesi di assunzione di lavoratori dipendenti in un momento successivo all’avvio dell’attività dell’impresa.

    Se invece l'azienda, già in possesso di un numero di matricola relativo alla posizione contributiva, deve effettuare una variazione quantitativa o apre una nuova unità operativa (UL o sede secondaria), per gli adempimenti che riguardano l’INPS dovrà utilizzare il portale INPS e inserirvi l'apertura della nuova unità operativa, senza chiedere l’attribuzione della nuova posizione contributiva.

    In alcuni casi particolari si continua a mantenere la pluralità di posizioni; per questo aspetto e per il dettaglio delle modalità operative per gli adempimenti tramite portale INPS si rimanda alla circolare citata, all'indirizzo
    http://www.inps.it/bussola/visualizzadoc.aspx?svirtualurl=%2fcircolari%2fcircolare%20numero%20172%20del%2031-12-2010.htm .

    • SOGGETTO OBBLIGATO ALL'ADEMPIMENTO


      Titolare, legale rappresentante



    • SOGGETTO LEGITTIMATO


      (ad effettuare iscrizioni, variazioni ed invio delle EMENS): consulente/commercialista abilitato o altro delegato, a cui viene rilasciato un PIN identificativo, che permette di effettuare tutte le comunicazioni attraverso il sito dell’INPS; una volta ottenuto il codice identificativo (PIN), non deve allegare nessuna documentazione (es. procura o delega).
      Tuttavia occorre distinguere come segue:
      aziende che occupano dipendenti (lavoratori subordinati e soggetti assimilabili – gli amministratori che percepiscono compenso si iscrivono invece alla gestione separata e, in questo caso, le aziende vengono definite come soggetto COMMITTENTE): il PIN può essere attribuito al consulente, al legale rappresentante ovvero al titolare
      autonomi, ovvero artigiani e commercianti (questi ultimi intesi in senso lato, come coloro che operano nel settore del terziario e quindi anche le imprese di servizi): il PIN è sempre attribuito con riferimento alla persona cui si riferisce l’iscrizione, anche se quest’ultima si avvale di un consulente o di un commercialista.

      E’ INOLTRE LEGITTIMATO (in base alla circolare INPS n. 41 del 26 marzo 2010) IN CASO DI ADEMPIMENTO INPS ASSOLTO CON COMUNICAZIONE UNICA, ANCHE UN INTERMEDIARIO GENERICO, INCARICATO CON IL MODELLO DI PROCURA SPECIALE APPROVATO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO CON CIRCOLARE DEL 15 FEBBRAIO 2008



    • COMPETENZA TERRITORIALE


      è individuata in base all’ubicazione dell’attività. In caso di impresa plurilocalizzata viene considerata unità locale ogni sito, distinto dalla sede legale, in cui si svolge attività lavorativa. Pertanto ogni unità locale corrisponde ad una posizione contributiva, fatta comunque salva la facoltà di richiedere il cosiddetto “ accentramento contributivo”.



    • TERMINI PER EFFETTUARE GLI ADEMPIMENTI

      aziende che occupano dipendenti: il termine per effettuare l’adempimento senza sanzioni è il giorno immediatamente precedente la scadenza prevista per il versamento dei contributi e quindi il giorno 15 di ogni mese.
      autonomi: 30 giorni dall’evento (es. inizio dell’attività), oltre il quale si ha la mora. Se il ritardo nell’adempimento è superiore ad un anno si configura l’evasione contributiva.



  • ONERI

    per la presentazione delle pratiche non sono previsti oneri. L'unico onere in capo ai soggetti iscritti è quello del versamento dei contributi.

    Diritti di segreteria - il Ministero dello Sviluppo Economico (nota del 12/4/2010) ha chiarito che le pratiche only INPS, only INAIL e only Agenzia delle Entrate non sono soggette al pagamento del diritto di segreteria.

     



  • MODULISTICA


    aziende che occupano dipendenti: l’art. 5 del dpcm 6 maggio 2009 (v. sul punto anche la circolare INPS n. 41 del 26 marzo 2010) stabilisce che la comunicazione unica si applichi alla “…(omissis)… e) domanda di iscrizione e cessazione di impresa con dipendenti ai fini INPS; f) variazione dei dati d'impresa con dipendenti ai fini INPS in relazione a: 1) attività esercitata; 2) cessazione attività; 3) modifica denominazione impresa individuale; 4) modifica ragione sociale; 5) riattivazione attività; 6) sospensione attività; 7) modifica della sede legale; 8) modifica della sede operativa; g) domanda di iscrizione, variazione e cessazione di impresa agricola ai fini INPS”.

    Con la circolare sopra ricordata l’INPS ha quindi stabilito quanto segue:

    “…Per quanto sopra, stante il tenore letterale della norma che dispone, al comma 1 dell’articolo 9 del DL 7/2007, l’unicità dell’adempimento per tutti gli enti di riferimento - richiamati al punto 1 - nelle ipotesi di “avvio, modifiche o cessazioni dell’attività dell’impresa”, dal 1 aprile 2010 ComUnica diviene la sola modalità per lo svolgimento di uno degli adempimenti appena citati.
    Pertanto nei casi di avvio dell’attività dell’impresa con contemporanea assunzione di personale dipendente (da cui discende l’obbligatorietà dell’imposizione contributiva e assicurativa) per effetto della quale si rende necessaria l’assegnazione di una posizione aziendale (matricola aziendale per nuova iscrizione; codice azienda e/o CIDA, per le aziende agricole), gli utenti dovranno utilizzare esclusivamente il predetto canale telematico, valorizzando l’apposita sezione predisposta nella pratica di ComUnica (pratica DM o pratica DA). Gli stessi utenti non dovranno più utilizzare la procedura telematica di iscrizione presente nei servizi online dell’Istituto né, tanto meno, il previsto formulario DM68 (codice modello SC06) ovvero, per le aziende agricole, il modello di denuncia aziendale.
    Nelle ipotesi di assunzione di lavoratori dipendenti in un momento diverso dall’avvio dell’attività dell’impresa, da cui discende la necessità dell’assegnazione di una posizione aziendale (iscrizione di un’azienda già operante ma senza matricola o codice azienda per agricoli ), gli utenti potranno utilizzare facoltativamente uno dei canali telematici messi al loro disposizione dalla piattaforme web di ComUnica o dei servizi online dell’INPS.
    La medesima facoltà potrà essere esercitata anche nelle ipotesi di sospensione, riattivazione o cessazione dell’attività lavorativa con dipendenti, in quanto non trattandosi di vere e proprie modifiche al “continuum” dell’attività dell’impresa, non ha alcuna rilevanza ai fini degli adempimenti cui le stesse imprese sono tenute ad assolvere presso il Registro Imprese, ma solo ai fini INPS. Anche nelle predette situazioni gli utenti potranno utilizzare uno dei citati canali telematici.
    In merito alla gestione delle informazioni riguardanti la sede operativa dell’impresa, per quanto osservato al periodo precedente, resta facoltà degli utenti utilizzare una delle modalità più volte richiamate.
    Con riferimento infine alla modifica delle informazioni riguardanti la sede legale, la ragione sociale e/o la denominazione dell’impresa e l’attività economica dell’impresa, poiché le stesse hanno rilevanza ai fini degli adempimenti cui le imprese sono tenute ad assolvere al Registro Imprese, gli utenti dovranno utilizzare esclusivamente il canale telematico di ComUnica, valorizzando l’apposita sezione della pratica DM o della pratica DA, per le aziende agricole”.

    autonomi: la modulistica per l’INPS è stata integrata nella nuova versione del software Fedra. Pertanto, premesso e considerato che per quanto riguarda gli autonomi l’iscrizione ed i successivi adempimenti si riferiscono ad una persona fisica, titolare, collaboratore, socio, la gestione di tali dati avviene mediante la compilazione dell’apposito riquadro AC del modello P.



    • ARTIGIANI


      Requisiti oggettivi e soggettivi
      L’attività artigiana è regolamentata dalla Legge quadro sull’Artigianato (L. 443 dell’8/8/1985). L’obbligo di assicurazione per l’IVS decorre dal 1/1/1959.
      Il riconoscimento della qualifica artigiana si ottiene mediante l’iscrizione all’Albo provinciale delle imprese artigiane, se ricorrono i requisiti oggettivi e soggettivi previsti dalla L. 443 e dalla normativa regionale.
      L’attività deve essere esercitata in forma di impresa e deve essere diretta alla produzione di beni o alla prestazione di servizi (restano escluse le attività agricole e commerciali), fatto salvo il possesso di ulteriori requisiti tecnico-professionali richiesti da leggi speciali per l’esercizio di particolari attività economiche.
      Il titolare deve partecipare all’attività personalmente, professionalmente e con apporto di lavoro anche manuale, non essendo sufficiente la sola direzione dell’azienda. E’infatti richiesta la piena responsabilità dell’impresa, con la relativa assunzione degli oneri e dei rischi della gestione. La partecipazione del titolare all’attività deve essere prevalente rispetto ad altre eventuali attività lavorative esercitate contemporaneamente: la prevalenza si valuta principalmente con riferimento al tempo dedicato personalmente a ciascuna attività.
      Vige inoltre l’obbligo di iscrizione alla Gestione speciale per gli artigiani dei familiari coadiuvanti che abbiano almeno 16 anni d’età e prestino la loro attività nell’impresa con carattere di abitualità e prevalenza.



  • SOGGETTI artigiani

    IMPRESE INDIVIDUALI

    SOCI DI SN.C.
    Se la maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, svolge in prevalenza lavoro personale, anche manuale,nel processo produttivo.

    SOCI DI S.A.S.
    Dal 5/6/1997 (L. 133/97) è obbligatoria l’iscrizione di tutti i soci accomandatari in possesso dei requisiti soggettivi. Essi devono rappresentare la maggioranza del capitale, e non essere soci di S.r.l. unipersonale o rivestire la qualifica di soci accomandatari in altra S.a.s.
    Il socio accomandante che presti attività lavorativa non è iscrivibile in proprio, mancando il requisito della piena responsabilità: può eventualmente essere assicurato come familiare
    coadiuvante o come dipendente, ricorrendone i presupposti.

    SOCI DI S.R.L. UNIPERSONALI
    Dal 5/6/1997 (L. 133/97) è obbligatoria l’iscrizione del socio unico di S.r.l. che abbia i requisiti soggettivi di iscrivibilità, ovvero che rivesta anche la qualifica di amministratore e non sia socio unico di altra S.r.l. né rivesta la qualifica di socio accomandatario di S.a.s.

    SOCI DI S.R.L. PLURIPERSONALI
    Dal 5/3/2001 (L. 57/2001) è ammessa l’iscrizione delle società con pluralità di soci quando la maggioranza degli stessi svolga personalmente l’attività e detenga la maggioranza del capitale sociale e negli organi deliberanti.
    L’iscrizione è facoltativa e la qualifica viene attribuita a seguito di esplicita domanda.



    • COMMERCIANTI

      Requisiti oggettivi e soggettivi
      L’attività deve essere esercitata in forma di impresa, organizzata e/o diretta prevalentemente con il lavoro proprio del titolare e dei familiari, a prescindere dal numero di dipendenti, fatto salvo il possesso di ulteriori requisiti tecnico-professionali richiesti da leggi speciali per l’esercizio di particolari attività economiche. In particolare, quando la legge pone l’obbligo di iscrizione in albi e ruoli abilitanti, nonché il possesso di autorizzazioni e/o licenze, l’attività eventualmente esercitata in assenza di tali requisiti è considerata abusiva e pertanto non soggetta all'obbligo contributivo.
      Il titolare deve partecipare all’attività lavorativa personalmente e abitualmente; deve avere la piena responsabilità dell’impresa, con assunzione degli oneri e dei rischi della gestione (requisito non richiesto per i familiari preposti e per i soci di srl).
      La partecipazione del titolare all’attività deve essere prevalente rispetto ad altre eventuali attività lavorative esercitate contemporaneamente: la prevalenza si valuta principalmente con riferimento al tempo dedicato personalmente a ciascuna attività.
      Vige inoltre l’obbigo di iscrizione nella gestione speciale per commercianti dei familiari coadiutori che abbiano già adempiuto agli obblighi scolastici (attualmente 16 anni) e
      prestino la loro attività nell’impresa in maniera abituale e prevalente.



  • SOGGETTI commercianti

    IMPRESE INDIVIDUALI
     

    SOCI DI S.N.C.
    Sono iscrivibili i soci che svolgono l’attività con carattere di abitualità e prevalenza, indipendentemente dal loro numero. I familiari che svolgono attività lavorativa nella società, sempre con carattere di abitualità e prevalenza, sono obbligati all’iscrizione come coadiutori.

    SOCI DI S.A.S.
    E’ obbligatoria l’iscrizione di tutti i soci accomandatari in possesso dei requisiti soggettivi.
    Il socio accomandante che presti attività lavorativa non è iscrivibile in proprio, mancando il requisito della responsabilità; può eventualmente essere assicurato come familiare coadiuvante o come dipendente, ricorrendone i presupposti.

    SOCI DI S.R.L.
    E’ iscrivibile il socio che, indipendentemente dalla qualifica di amministratore, eserciti in
    modo personale, continuativo e prevalente l’attività, anche limitatamente alla parte organizzativa e gestionale.
    L’Amministratore che non svolge l’attività è iscritto alla Gestione separata come Collaboratore coordinato e continuativo qualora percepisca un compenso come amministratore. Se svolge l’attività ha l’obbligo della doppia iscrizione.

    PREPOSTI
    Nel caso in cui il titolare dell’azienda non eserciti personalmente l’attività con i caratteri della abitualità e prevalenza, può nominare un familiare preposto al punto di vendita, che è
    assoggettato in proprio all’assicurazione IVS. La stessa ipotesi si verifica nel caso di familiare coadiutore del farmacista.

    SOGGETTI ESCLUSI
    soci delle società per azioni;
    soggetti che hanno delegato a terzi la conduzione dell'impresa;
    associati in partecipazione, in quanto non hanno la piena responsabilità dell’azienda (questi soggetti a decorrere dal 1.1.2004 sono iscrivibili alla gestione separata);
    agenti di cambio;
    mandatari di prodotti ittici;
    farmacisti (circ. 249/81) ad eccezione dei coadiuvanti
    grossisti di prodotti ortofrutticoli non iscritti al Registro Imprese.

    ATTIVITA' INCLUSE

    attività commerciali in senso proprio

    • attività turistiche;
    • attività ausiliarie del commercio;
    • attività di servizi
    • affittacamere;
    • attività stagionali;
    • agenti di spettacolo;
    • gestione immobili;
    • coadiutori farmacisti;
    • ostetriche;
    • preposti ;
    • attività di promozione finanziaria;
    • attività dei produttori assicurativi di III e IV gruppo

    ATTIVITA' ESCLUSE
    sono escluse le attività professionali ed artistiche, nonché quelle che abbiano ottenuto la qualifica artigiana.





Approvazione articolo In bozzaIn verificaIn supervisioneApprovato