Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per rendere migliore la navigazione e per fornire le funzionalità di condivisione sui social network. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati, su come disabilitarli o negare il consenso all’utilizzo leggi l’informativa. Proseguendo nella navigazione presti il consenso all’uso di tutti i cookie.Informativa Cookie policyOK


Attendere  Elaborazione in corso, attendere prego...

Apertura di un magazzino generale/Allegati

Da Camera di Commercio di Milano.

Nelle ipotesi di locali da costruire o da trasformare è necessario allegare alla SCIA, in formato PDF/A o avanzato che garantisca l’immodificabilità dei files, a pena di irricevibilità:

  • il progetto delle opere da realizzare, munito del visto del competente Ufficio regionale o delegato, che ha assorbito le competenze dell’Ufficio del Genio Civile
  • il piano finanziario, con l’indicazione delle persone o enti che forniscono i capitali necessari   

 Nelle ipotesi di locali già esistenti è necessario allegare alla SCIA, in formato PDF/A o avanzato che garantisca l’immodificabilità dei files, a pena di irricevibilità:

  • le planimetrie, unitamente a perizia munita del visto del competente Ufficio regionale  o delegato, che ha assorbito le competenze dell’Ufficio del Genio Civile

Le valutazioni di carattere edilizio sono di competenza dello sportello unico dell’edilizia a cui il SUAP trasmette l’istanza. Lo sportello unico per l’edilizia comunicherà l’esito al Ministero dello sviluppo economico.

L’esercente del magazzino dovrà in ogni caso allegare il Regolamento del magazzino generale, a pena di irricevibilità, in formato PDF/A o avanzato, contenente l’indicazione degli obblighi che si assumerà  rispetto alla introduzione ed alla estrazione delle merci, alla loro conservazione, alle avarie e/o cali ( art. 2, primo comma, numero 4 , del R.D. n. 2290/1926).

DEPOSITO CAUZIONALE

L’esercizio dell’attività di magazzini generali obbliga al versamento di una cauzione a favore dei creditori, dei terzi e dell’Erario. Nelle more che il Ministero ( beneficiario della cauzione) predisponga l’algoritmo per la misurazione e la definizione  - in base ad indicatori oggettivamente valutabili – del quantum, resta in vigore  la somma provvisoriamente fissata di euro 25.823,00 con circolare del Ministero 3679/c del 01/04/2015.

L’esercente dovrà dichiarare di avere costituito la cauzione secondo le seguenti modalità:

  • in denaro
  • in titoli di Stato esenti da qualsiasi vincolo, intestati all’esercente oppure al portatore
  • in titoli garantiti dallo Stato esenti da qualsiasi vincolo, intestati all’esercente oppure al portatore
  • mediante fideiussione da parte di un Istituto di credito

Le cauzioni in denaro o in titoli al portatore devono essere depositate presso la Cssa depositi e prestiti secondo le nome vigenti per le cauzioni nell’interesse dello Stato; le cauzioni in titoli intestati all’esercente conterranno il vincolo cauzionale e dovranno essere depositate presso la CCIAA di competenza della sede del magazzino generale.


Approvazione articolo In bozzaIn verificaIn supervisioneApprovato