Il sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per rendere migliore la navigazione e per fornire le funzionalità di condivisione sui social network. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati, su come disabilitarli o negare il consenso all’utilizzo leggi l’informativa. Proseguendo nella navigazione presti il consenso all’uso di tutti i cookie.Informativa Cookie policyOK


Attendere  Elaborazione in corso, attendere prego...

Categoria:Revoca responsabile tecnico o preposto

Da Camera di Commercio di Milano.


CANCELLAZIONE D'UFFICIO DEL RESPONSABILE TECNICO/PREPOSTO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA'

Quando può essere richiesta

In tutti i casi in cui la società non provveda a comunicare la cessazione dalla qualifica di responsabile/preposto a seguito della cessazione del rapporto lavorativo, entro i termini previsti dalle norme vigenti (30 gg. dal verificarsi dell'evento), il responsabile tecnico/preposto di una società/ impresa individuale può presentare alla Camera di Commercio, Servizio Back End e Aggiornamento Dati istanza di annotazione nel REA della sua cessazione dalla qualifica di responsabile tecnico/preposto.

Come presentare l'istanza

L’istanza (vedi fac simile modello )deve essere in marca da bollo (Euro 16,00) e deve contenere i dati identificativi del soggetto richiedente, il quale deve specificare i dati della società dalla quale intende cancellarsi e la data di cessazione del rapporto di lavoro.

L'istanza può essere spedita:

a) a mezzo raccomandata indirizzata alla Camera di Commercio di Milano- Servizio Back End e Aggiornamento Dati Via Meravigli, 9/B 20123 Milano

oppure

b) consegnata personalmente alla Camera di Commercio di Milano: Ufficio Protocollo Via san Vittore al Teatro, 14 20123 Milano.

Cosa allegare

All’istanza deve essere allegata:

- copia della comunicazione relativa alla cessazione del rapporto di lavoro con la società con la ricevuta comprovante che la società ne è venuta a conoscenza (es. avviso ricezione raccomandata oppure ricevuta di avvenuta consegna PEC, copia modello LAV, etc.);

- copia di eventuali comunicazioni con cui l'interessato ha richiesto all'impresa di provvedere alla cancellazione della qualifica di responsabile tecnico;

- copia di eventuali comunicazioni trasmesse ad altre Pubbliche Amministrazioni (es. lo Sportello Unico Attività Produttive - SUAP - del comune competente) per comunicare la cessazione dalla qualifica di responsabile tecnico

- copia integrale documento di identità in corso di validità del richiedente.

Le istanze pervenute senza gli allegati sopra indicati non verranno prese in considerazione dall’Ufficio.

Iter del procedimento

Dopo avere esaminato l’istanza, il Servizio Back End controlla che il soggetto che ha chiesto di essere cancellato da una impresa ricopra effettivamente la qualifica di Responsabile Tecnico/preposto, il tipo di attività esercitata dalla società (se soggetta a verifica) e se risulta esserci un ulteriore responsabile tecnico per l’esercizio della medesima attività (in quanto in tal caso, la cessazione del responsabile tecnico non comporta anche l’impossibilità di svolgere l’attività per mancanza dei requisiti necessari).

L’Ufficio verifica con l’INPS se il soggetto che chiede di essere cancellato dalla qualifica di responsabile tecnico/preposto abbia effettivamente collaborato con la società in qualità di dipendente o altra tipologia di rapporto di lavoro e verifica, inoltre, che la data di effetto delle dimissioni indicate dal soggetto richiedente coincida con la data di cessazione del rapporto di lavoro con la società.
Se dai dati INPS risultano date diverse, si ritiene che le dimissioni del responsabile tecnico debbano decorrere dalla data in cui la società ne è venuta a conoscenza (purchè comprovata dalla documentazione allegata all’istanza).

Quando il responsabile tecnico/preposto svolge attività di estetica/acconciatore  l’Ufficio verifica, preliminarmente, con il Comune competente se la società ha comunicato già la sostituzione del responsabile tecnico con uno nuovo o se la stessa ha cessato o sospeso l’attività.

All’esito delle verifiche, l’Ufficio avvia il procedimento di iscrizione della cessazione del responsabile tecnico invitando la società, entro un termine di 30 giorni, ad aggiornare la propria posizione comunicando, con pratica telematica, la cessazione del responsabile tecnico ed in caso di sua mancata sostituzione, la sospensione o cessazione dell’attività con effetto dalla data di decorrenza delle dimissioni del responsabile tecnico.

L’Ufficio, dopo aver verificato che l’invito alla società sia stato da questa ricevuto (mediante avviso di consegna in caso di invio tramite pec o con ricevuta di ritorno se spedita con raccomandata a/r) annota in visura, in corrispondenza del nominativo del responsabile tecnico la seguente dicitura: “CON COMUNICAZIONE DEL ………. P.G. N. …. IL SIG. …….. HA COMUNICATO LA PROPRIA CESSAZIONE DALLA QUALIFICA DI …… ALL'ATTIVITA' DI …….. CON DECORRENZA DAL ……….”.

Se nel termine dei 30 giorni dalla ricezione dell’invito, la società non ha provveduto a comunicare la cancellazione del responsabile tecnico/preposto e la eventuale sospensione/cessazione dell’attività, l’Ufficio, con provvedimento del Conservatore del Registro Imprese dispone la cancellazione del responsabile tecnico.

Se l'impresa  svolge attività di installazione impianti (DM 37/08), autoriparazione (l. 122/92 e l. 224/2012), disinfestazione-derattizzazione-sanificazione (l. 82/94 - dm 274/97),  agenzia e rappresentanza (l. 204/1985), mediazione (l. 39/89), spedizioniere (l. 1442/41.), mediatore marittimo (l. 478/68) e non sono presenti altri soggetti in possesso dei requisiti tecnico-professionaliche consentono l'esercizio dell'attività,  il Conservatore del Registro Imprese dispone anche  l’inibizione dell’attività (in tal caso con decorrenza dalla data di notifica del provvedimento).
Di tale evenienza viene data comunicazione al Comune competente per le verifiche e l’adozione di eventuali provvedimenti di competenza.

Se l'impresa svolge attività di acconciatore (l.174/2005) o estetista (l.1/1990) e non sono presenti altri soggetti in possesso dei requisiti tecnico-professionali che consentono l'esercizio dell'attività né risulta effettuata alcuna comunicazione al SUAP relativamente alla sostituzione del responsabile tecnico,  l’Ufficio  annota la mancanza di un responsabile tecnico per l’esercizio dell’attività di estetica/acconciatore.
Tale notizia verrà segnalata al Comune per l’adozione di eventuali provvedimenti di divieto di esercizio dell’attività.

Modello per istanza cessazione responsabile tecnico

Al momento la categoria non contiene alcuna pagina o file multimediale.